Donne da evitare: la Manipolatrice

donne da evitare

Esiste un pregiudizio benevolo verso le donne duro a morire. Spesso vengono viste come più buone, sensibili ed empatiche rispetto agli uomini. Ma la realtà è ben diversa. Ci sono donne da evitare completamente, capaci di essere crudeli, manipolatrici e violente. Sono in grado di compiere azioni estremamente vili, prediligendo soprattutto un’aggressività di tipo indiretto o relazionale (Stark E. 2010). Si tratta spesso di un tipo di violenza soprattutto di natura psicologica, dato che sul piano fisico, solitamente, non possono competere con gli uomini.

Nell’insieme delle donne da evitare — con la quale non vale nemmeno la pena averci a che fare — non può mancare la manipolatrice.

La donna manipolatrice in azione

Se nella vita hai creato un muro per proteggere la tua parte emotiva, la donna manipolatrice si insidierà proprio tra le sue crepe, cercando di fare breccia in quelli che sono i punti deboli della struttura. Ti farà credere di poter fare affidamento su di lei, fino ad ottenere la tua totale fiducia. E quando i tuoi sentimenti verso di lei saranno cresciuti a tal punto da non essere facilmente rinnegati, cercherà di usarli a suo vantaggio, prendendo il controllo della relazione, sfruttando la paura che avrai di perderla.

Gradualmente il tuo muro verrà fatto a pezzi sotto i suoi attacchi insidiosi, subdoli e incessanti – i ricatti emotivi saranno la sua arma migliore. Ti farà credere che è colpa tua se si comporta così, se agisce in questo o in quell’altro modo; dirà che tu non la comprendi abbastanza, che sei la ragione del fallimento della relazione, che se vuoi che le cose si aggiustino, devi agire in una certa maniera. Continuerà imperterrita a pretendere dimostrazioni che, come prevedibile, non saranno mai abbastanza; anzi, più le darai agio di poter avanzare pretese, più alzerà l’asticella, e più metterà alla prova la tua salute mentale.

Ti accorgerai — spesso solo dopo molto tempo — che tutto orbiterà unicamente intorno a lei, e avrai difficoltà ad impegnarti negli studi, nei progetti e nel lavoro. Ti sembrerà di procedere a rilento, come su di un terreno fangoso, e finirai per farti soggiogare psicologicamente, allontanando anche chi proverà a farti ragionare. Ma l’errore più grande sarà che cercherai di aggrapparti alla speranza di poterla riavere come un tempo, ignaro del fatto che starai amando una donna che non è mai esistita davvero: una proiezione artefatta e idealizzata dai tuoi sentimenti: una delle tante altre donne che avresti dovuto evitare.

Innalzare il Muro

Con la Donna manipolatrice devi innalzare un muro, immenso, austero e imponente, che sia inamovibile ad ogni scossa emotiva. La tua dignità va anteposta a tutto, anche ai sentimenti, costituendo le solide fondamenta sulle quali erigere un’indistruttibile struttura di logica e raziocinio; il muro deve resistere ad ogni tentativo di essere abbattuto.

Non devi cedere il passo a nessuna mancanza di rispetto, a nessuna pretesa insensata, a nessuna azione tesa a destabilizzarti: è il tuo comportamento a fare la differenza. Non importa se con le parole lei non arriva a comprendere le possibili conseguenze delle sue azioni. Con la diplomazia, la benevolenza, la dolcezza non risolvi nulla. Anzi vengono interpretati dalla donna manipolatrice come segnali di debolezza. È necessario che si scontri con le conseguenze delle sue azioni.

Più agisce da st**nza più il muro deve diventare spesso e alto, fino a toccare le nuvole della fredda indifferenza.

Il pietismo come contromossa della donna manipolatrice

Per ribaltare la situazione, potrebbe giocarsi la carta del pietismo vittimista. Invece di lanciare accuse contro di te, inizia a colpevolizzarsi. Molto furbo… Ma non lasciarti fregare man, è solo un’altra tecnica che utilizza per ripristinare i vecchi equilibri. Ancora una volta ti sta manipolando, o per lo meno, ci sta provando.

Se ci caschi, sarà solo questione di tempo prima che ritorni di nuovo a comportarsi come prima.

A costo di sembrare un pezzo di m**da, resta indifferente alle sue lacrime.

La manipolatrice è molto abile nel farti apparire agli occhi degli altri come un mostro, un insensibile schifoso.

Non cercare a tutti i costi di dimostrare a loro (i suoi parenti, i vostri amici in comune, conoscenti vari) che non è così. Credimi non serve a niente.

È proprio quello che vuole, suscitare in te una reazione, e per farlo è disposta a tutto. Anche mettere in scena questi teatrini melodrammatici, mettendoti in cattiva luce agli occhi di tutti.

La supremazia della ragione

In molti sostengono che bisogna vivere le proprie emozioni liberamente, lasciandole fluire senza alcun freno. Ma questo è essenzialmente sbagliato. Vivere seguendo unicamente la propria corrente emotiva significa non avere pieno controllo su sé stessi.

Le emozioni sono il risultato di processi chimici del cervello. Riuscire a gestirle, significa acquisire controllo e padronanza della propria mente. Dovremmo imparare a scegliere quando seguire la corrente emotiva liberamente, e quando invece dirottare la nostra mente su pensieri logici e razionali.

Per questo motivo, quando hai a che fare con una donna manipolatrice, anche se sei profondamente coinvolto sentimentalmente, è meglio che tu faccia appello a tutta la tua razionalità. Solo in questo modo puoi vedere la situazione con chiarezza, come se ti osservassi dall’esterno.

So che può far male, perché potrebbe presentarsi il rischio di far fronte a dei veri e propri conflitti interiori difficili da affrontare. Ma è necessario farlo se vuoi tirarti fuori.

Credimi, è perfettamente normale inizialmente essere confuso su cosa pensare e come agire. Di donne da evitare magari ne hai incontrate un bel numero, ma è la prima volta che sei veramente coinvolto sentimentalmente da una di loro. Ed è questa la parte difficile man, riuscire ad uccidere una parte di sé per salvare tutto il resto. Io posso prometterti che se ci riuscirai non sarai più lo stesso, diventerai l’uomo che mai avresti creduto poter diventare. Si innescherà un processo di evoluzione interiore che adesso non puoi pienamente comprendere. Solo con il tempo potrai renderti conto di quanto questa sofferenza sia stata importante.

Le emozioni sono il risultato di processi chimici del cervello. Riuscire a gestirle, significa acquisire controllo e padronanza della propria mente. Dovremmo imparare a scegliere quando seguire la corrente emotiva liberamente, e quando invece dirottare la nostra mente su pensieri logici e razionali.

Segui Essere Uomo su Instagram

Come agire se…

1. Ti colpevolizza senza motivo

  • Non cercare per forza di fornire spiegazioni.
  • Lascia che si lamenti, mostra indifferenza.
  • Usa il sarcasmo. Dalle ragione ad esempio.
  • Non finire per crederle davvero.
  • Utilizza la ragione, analizza la tua situazione come se tu fossi un osservatore esterno

2. Fa la vittima

  • Non farti impietosire.
  • Ricordati cosa ti ha fatto.
  • Fregatene se gli altri penseranno male di te. Non conoscono quello che hai passato con lei.
  • Non consolarla. Sai perché lo sta facendo.
  • Non iniziare ad assumerti colpe che non hai.

3. Ti umilia

  • Non credere di meritarlo.
  • Non alimentare il suo gioco.
  • Considerati la priorità.

4. Avanza solo pretese

  • Pretese su pretese! Ma lei cosa sta offrendo?
  • Ricordati che una relazione richiede impegno reciproco

5. Fa la carina per interesse

  • Non farti fregare, ti offre questi momenti di dolcezza per tenerti buono e avere ciò che vuole
  • Osserva i suoi comportamenti senza il filtro dei sentimenti

Autore

condividi

4 risposte

  1. Ciao aldo le tue analisi combaciano perfettamente,ho avuto una storia che mi ha provocato tanti problemi avevo 22 anni ,ora ne ho 27 ,sono stato 2 anni fidanzato con questa ragazza, con il passare del tempo e informandomi sulla psicologia tempestivamente leggendo e rileggendo storie e analisi di esperti , ho iniziato a capire tante cose che sospettavo già standoci insieme perche sentivo che le cose non andavano per niente bene,forse avevo bisogno di un aiuto professionale ma piano,piano da solo sono arrivato alla conclusione che sono stato manipolato brutalmente e senza pietá,dove non era possibile dimostrare le mie emozioni, dove dovevo stare attento sempre a ció che dicevo,dove la mia persona non aveva alcuna importanza se ero triste o felice, dove gli appuntamenti per uscire e stare insieme cambiavano sempre all”ultimo minuto, le sue lacrime erano facili e i sorrisi finti, ero innamorato preso da questo vortice d amore e cercavo in tutti i modi di recuperare un amore invisibile fatto della mia materia e di quello che immaginavo avere al mio fianco una ragazza da salvare da portare nel mio mondo di passione amore e divertimento,un cancro nell anima che ti porta ad essere insicuro di te stesso,con il passare del tempo sono stato sempre piu male mentre lei mi cercava sempre io avevo messo dei muri ben alti anche non conoscendo la materia ma il mio sesto senso da uomo mi ha aiutato tanto,dopo lei ho avuto tante donne,tante storie occasionali senza mai sentirmi sicuro e nel posto giusto, la mia anima devastata orami da quella storia ha smesso di amare incapace di provare emozioni vere ,ad oggi sto meglio e sto iniziando a riprendere fiducia in me stesso ci sono voluti anni per sentirmi cosi per costruire una nuova viosene verso il mondo femminile ,ma ora tutto va a gonfie vele e spero di innamorari della donna giusta

    1. Man grazie per aver condiviso questo tuo pezzo di vita. Ti auguro il meglio. Se vuoi supporto ricordati che puoi scrivermi su Telegram per accedere alla community di Essere Uomo. In bocca al lupo.

  2. Su alcune cose disquisirei, ma nonostante ciò i complimenti sono d’obbligo.
    Rita Fadda di uomini vittime di violenza fisica psicologica e giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segui Essere uomo su Instagram

Entra a far parte del gruppo telegram al maschile